Le prime cose da considerare quando acquistiamo una teiera sono la sua forma e i materiali di costruzione. Ovviamente ci sono anche diversi altri fattori di cui tenere conto, ma è bene partire dalle basi. Per tale ragione abbiamo stilato una mini guida, per analizzare tali componenti e informare al meglio il lettore per un acquisto mirato e intelligente. Un discorso più generale sulle teiere si può trovare in questo articolo dedicato al prodotto.

Il rituale del tè accomuna moltissime culture. Oggi in tutto il mondo questa bevanda è amatissima, e tutti amano sorseggiarla in varie occasioni. Che sia caldo o freddo, in foglie o in bustine, spesso non si può rinunciare a questo piacere – che varia però in base ai gusti di chi lo beve. Per poter preparare al meglio questa bevanda dovremo far affidamento su un apparecchio ottimale, in grado di farci gustare al meglio tutto il sapore del tè. Per capire se un prodotto è di buona qualità dobbiamo tenere presente fattori come la forma e i materiali di costruzione dell’apparecchio stesso. Per quanto riguarda i materiali, possiamo trovare teiere di:

Acciaio inox;

Porcellana o ceramica;

Vetro temperato;

Terracotta;

Ghisa.

Questi sono i materiali più comuni. Il vetro e l’acciaio si sono affermati solo di recente, grazie all’evoluzione delle tecnologie, mentre gli altri materiali sono considerati più convenzionali e tradizionali. È importante tenere conto di questa caratteristiche perché determina il sapore finale del tè, e anche sulla conservazione del calore. Per esempio la ghisa mantiene benissimo il calore al suo interno, anche per un periodo di tempo protratto (delle ore!). Il vetro invece consente di ottenere di un sapore intenso, mentre se vogliamo conservare grandi quantità di bevanda è meglio puntare sull’acciaio inossidabile. Gli ultimi due materiali (ghisa e acciaio) ci permettono di bollire il tè direttamente sulla fiamma. 

Come abbiamo detto anche la forma è importante. Di solito le teiere sono tonde, allargate sul fondo. Questo design permette all’apparecchio di mantenere la temperatura al suo interno. Una teiera convenzionale è formata da varie componenti:

Il contenitore, ossia la pancia;

Il coperchio, dotato di un pomello, rimovibile o ribaltabile;

Un manico per l’impugnatura;

Un beccuccio e un filtro.