Tecnocrazia e la visione di Bacon della "Nuova Atlantide" - Schiavitù!

Il capolavoro di Saint-Simon per molti è il manifesto di una visione verso il futuro di Sir Francis Bacon (rosacrociano), circa l'instaurazione di una società tecnocratica al posto della "cosa pubblica", lo Stato.

Un governo tecnocratico è un modo di organizzare il Governo da parte di scienziati e tecnici che lavorano per un unico governo totalitario.
Questa realtà profondamente non radicata sull'uguaglianza, è nata in molti circoli d'elite ed esoterici.

Sir Francis Bacon definiva la sua visione “La Nuova Atlantide“e ne pubblicò un libro manifesto nel 1627.
La Nuova Atlantide doveva essere ricca di simboli e cultura della Massoneria. Bacon era stato membro dell’Ordine Segreto dell’Elmo e Gran Maestro dell’Ordine Segreto dei Rosacroce.

La sua utopia era la creazione di questa nuova società tecnocratica.Facendo preciso riferimento agli insegnamenti di Platone, Bacon credeva che l'elite che avrebbe guidato la Nuova Atlantide doveva essere composta da "tecnici". Una parola che vi sembrava nuova, eppure è un vecchio concetto che alcuni circoli esoterici d'elite vogliono realizzare.

Contrariamente a quanti molti pensano il comunismo e la tecnocrazia vanno di moda, come dice spesso anche Marx.
Numerosi sono infatti le frasi scritte da Marx in cui in vari modi descrive il suo desiderio alla tecnocrazia. Avolte scrivendo dei veri e propri Inni per i suoi seguaci.
E' un gioco fatto di confusione e persino coloro che notoriamente crediamo che si oppongono al capitale invece osannano chi lo ha creato.
Comunismo, corporativismo, tecnocrazia, totalitarismo, sono parole che dovremmo presto imparare distinguendone il significato.
Vota questo articolo
Guarda
Condividi

Lascia il tuo commento!