I robot da cucina sono apparecchi versatili che possono dare una concreta mano a chi non ha tempo da dedicare ai fornelli. A seconda delle dimensioni l’apparecchio ha una capacità variabile per la lavorazione di moli più o meno ingenti di materia prima. In un robot da cucina super accessoriato la capienza non è una sola, ma va valutata caso per caso in base agli accessori che monta, in quanto ha un bicchiere per il frullatore, un serbatoio per il food processor, una caraffa per gli impasti e via dicendo. Questo impone una valutazione mirata che tiene in considerazione la capienza dei singoli accessori, con il food processor che in media gode di una capacità fra un litro e mezzo e 4 litri e la caraffa per il frullatore che oscilla, in genere, fra uno e 2 litri.

Nei robot più equipaggiati c’è un terzo contenitore, un macinino di misure standard, in genere sempre piccoli per macinare pepe o spezie. Il robot da cucina va preso nel suo insieme, per valutarne l’ingombro quando tutte le sue parti sono assemblate per poter vedere lo spazio di cui necessita al gran completo, compreso il corredo di accessori che, soprattutto negli apparecchi di fascia alta di prezzo, è ricco e assortito. Qualunque sia il suo utilizzo, la prima cosa che si chiede a un robot da cucina è la praticità, un fattore imprescindibile per chi ne fa un uso costante e continuativo. Per far sì che si raggiunga questo obiettivo e che il nostro robot sia semplice e versatile, occorre che abbia dei requisiti. Uno su tutti, i piedini gommati.

Non è un aspetto considerato da tutti, anzi a dire il vero molti sorvolano su questo particolare, ma la presenza o meno dei piedini è indice di maggiore o minore qualità del prodotto. Perché i piedini fanno la differenza? Un robot da cucina, per funzionare, ha bisogno di essere posato su una superficie piana, prima di essere acceso. Si dà il caso che, se non ha i piedini, tende a spostarsi o a scivolare, invece i modelli con piedini gommati possono essere fissati a qualsiasi pianale senza il rischio che la macchina si sposti. La stabilità in un robot da cucina è una caratteristica basilare, in quando apparecchi mobili potrebbero riservare brutte sorprese. Meglio evitare.