Nuovi artefatti che confermano il contatto dei Maya con gli Alieni

Nuove scoperte in campo archeologico, che metterebbero in relazione i Maya con gli Alieni. Nel 2012, il Governo messicano mise a disposizione numerosi reperti ed informazioni che erano stati tenuti segreti per circa 80 anni, nonché le stanze segrete all'interno della piramide che non erano mai state esplorate ufficialmente, nel sito archeologico di Calakmul (antica città Maya non lontana dal confine con il Guatemala). Quindi, sebbene fossero reperti già esistenti da un bel pezzo, per noi sono assolutamente nuovi.

Ciò avvenne perché il Governo si accordò per la realizzazione di un documentario archeologico, che sarebbe dovuto uscire prima della fine del 2012, ovvero la fine del Calendario Maya, la supposta fine del mondo. L'intenzione era di contrastare in qualche modo la speculazione sull'evento, che rappresentava puramente la fine di un ciclo, il quale si sarebbe riazzerato per poi ricominciare.

Ad ogni modo, ciò che venne esibito alla presentazione ufficiale fu straordinario, a parte l'ottimo stato di conservazione, le statuette che raffiguravano strane creature erano innumerevoli, insieme a totem, simboli, rocce scolpite a forma di dischi volanti con singolari codici, forse un linguaggio alieno mediante cui i Maya comunicavano con i popoli dei cieli. L'interpretazione infatti non è stata totalmente possibile, anche la lettura risulta alquanto difficoltosa, in quanto messaggi e simboli sono decisamente criptici. L'unica cosa accertata, è che tali reperti hanno una evidente correlazione con creature venute da un altro mondo.

Autore SettimaLuna
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!