Nave fantasma carica di topi carnivoli

La nave Lyubov Orlova deve il suo nome ad un attrice russa, la preferita di Stalin.
Costruita negli anni '70 dall'Unione Sovietica, è stata in origine costruita come nave rompighiaccio per poi diventare una nave da crociera di 100 metri, che venne utilizzata fino al 2010, per poi demolirla qualche anno dopo.
Ella partiva dal Canada per arrivare fino alla Repubblica Domenicana, ma durante un viaggio si ruppe il cavo rimorchiatore che portò alla deriva l'imbarcazione.
Successivamente venne intercettata nell'Atlantico e le correnti la stavano spingendo verso l'Inghilterra.
Si narra che questa nave sia abitata da topi e non essendoci più cibo a bordo essi per poter sopravvivere hanno iniziato a mangiarsi fra di loro.
Il pericolo è quindi una nuova razza di super topi che portano con sé molte malattie nuove e se si dovesse incagliare tra le coste, essi potrebbero scappare e potrebbero trasmettere nuove malattie non conosciute al genere umano.
Autore Nat
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Scelti da Noi

cerchio nel grano in california

cerchio nel grano in california

Come molti di voi ben sapranno (che ci crediate o meno), nel corso deg...
universo parallelo o fenomeno ottico? giudicate voi!

universo parallelo o fenomeno ottico? giudicate voi!

In questo video possiamo vedere ciò che è successo recentemente nel ...
la verità sul rapporto tra gesuiti e massoneria

la verità sul rapporto tra gesuiti e massoneria

Esistono davvero molte testimonianze autentiche che parlano del rappor...
progetto blue beam: il progetto che vuol conquistare il mondo

progetto blue beam: il progetto che vuol conquistare il mondo

Si chiama progetto Blue beam: lo scopo di questo progetto è quello di...
i fantasmi e il large hadron collider

i fantasmi e il large hadron collider

Il fenomeno degli avvistamenti di spiriti, spettri ed entità ectoplas...
i cinque luoghi più inquietanti d'italia

i cinque luoghi più inquietanti d'italia

Luoghi inquietanti, storie di fantasmi, cavalieri che ancora "scorrazz...

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!