Ipotesi di Vita aliena su Plutone!

Il dibattino su Plutone è ancora ad oggi aperto. E' o non è è un pianeta?

Questo corpo celeste è stato scoperto il 18 febbraio del'anno 1930 da Clyde Tombaugh (astronomo statunitente dell'Illinois, morto il 17 gennaio 1997). Il giovane influenzato da Percival Lowell, puntò gli occhi nel cielo alla ricerca di un presunto nono pianeta nel nostro sistema solare, e con un astrografo scattò delle foto di una stesa porzione di cielo, nel giro di alcune notti per riuscire ad individuare il pianeta. Per aiutarsi, inventò lui stesso un nuovo tipo di stereocomparatore che lo aiutò a scoprire le variazione che avennero sullo sfondo di alcune stelle lontane, quando il nono pianeta ci passava davanti. Plutone fu individuato solo sei mesi dopo l'inizio del lavoro di Clyde.

Sin dall'inizio della sua scoperta, Plutone fu criticato, in quanto relativamente molto piccolo, ma per molti anni fu classificato come pianeta. Finchè a inizio secolo non fu riclassificato, inizalmente come asteroide, poi come pianeta nano. Al momento è il più grande tra gli altri pianeti nani del nostro sistema solare.

Il suo nome formale è 134340 Pluto, ha cinque Satelliti, il suo periodo orbitale è di ben 247,8 anni e un periodo di rotazione di 6 giorni, 9 ore, 17 minuti e 36 secondi. La sua orbita incrocia quella di Nettuno e la temperatura sulla sua superficie varia tra i -233 gradi ed i -223.

Queste estreme temperature date dalla sua lontananza dalla stella, lo rendono un pianeta assolutamente inospitale per gli esseri viventi che ospita il pianeta Terra, ma molti si sono domandati se potrebbe ospitare altre forme di vita aliene, a noi sconosciute.

Bill McKinnon (ricercatore americano) ha ipotizzato che nel sottosuolo di Plutone ci sia un oceano enorme, che ricopre praticamente tutta una regione (quella a forma di cuore) del nano pianeta. Dentro questo oceano di azoto liquido e fango, che forma una sostanza sciropposa, potrebbero benissimo esserci delle forme di vita, sia unicellulari, che più sviluppate.

Questa ipotesi non è del tutto buttata in aria, come si vuol dire, bensì è appoggiata da diverse scoperte scientifiche, come quella dei composti di ammoniaca scoperti sulla luna di Plutone, Karonte.

Autore Karolina
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!