Il mistero dell'indecifrato manoscritto Voynich

Quello di Voynich è uno dei misteri ancora irrisolti che più incuriosiscono gli studiosi. Si tratta, infatti, di un bellissimo manoscritto scritto in una lingua tutt'ora sconosciuta e corredato di splendide immagini. Il suo nome deriva da quello del mercante di libri che nel 1912 lo comprò dai Frati Gesuiti di Villa Mondragone. Del manoscritto si hanno notizie a partire dal 1665, quando venne inviato al gesuita Athanasius Kircher affinchè lo decifrasse. Ma ad oggi nessuno vi è riuscito. Ma di cosa si tratta? Sembra un compendio di erboristeria, alchimia, matematica, filosofia scritto tra l'altro a più mani e le cui illustrazioni mettono in evidenza piante che persino i botanici non hanno saputo riconoscere. Le sezioni in cui è diviso il manoscritto sono 4: la prima è sicuramente relativa alla botanica, la seconda è stata definita astronomica o astrologica per i temi in essa riportati a tema appunto astrale, dove le illustrazioni sono davvero curiose perchè come alcuni hanno ipotizzato che sembrano ricordare la struttura di una cellula piuttosto che costellazioni o pianeti. La terza sezione è stata definita biologica, e qui sono presenti interessanti illustrazioni che raffigurano donne immerse in vasche comunicanti fra loro nelle quali si trova un liquido scuro, che potrebbe ricordare un fango termale. Essa è costituita da un foglio ripiegato sei volte, che raffigura medaglioni contenenti stelle e simboli collegati fra loro. Infine la quarta sezione è stata chiamata farmacologica, proprio perchè vi sono raffigurate ampolle e recipienti che venivano usati nelle antiche farmacie. Al termine sembra esserci un indice dato che riporta solo il misterioso linguaggio senza illustrazioni di sorta. Qualcuno sostiene che la scrittura non sia costituita da lettere dell'alfabeto ma da numeri.
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!