Il mistero archeologico di Sacsayhuaman

Sacsayhuaman è un sito archeologico peruviano e da vari studi effettuati in loco, parrebbe un agglomerato urbano coevo del più celebre Puma Punku.

Tra i due siti seppur ubicati a distanza di qualche migliaio di kilometri, esistono delle analogie.

Entrambi presentano delle costruzioni architettoniche maestose comprensive di archi, porte e strade molto più ampie rispetto ad un reale utilizzo di tipo urbano, ma mentre nel caso di Puma Punku le costruzioni sono ricavate da grandi monoliti scolpiti e rifiniti, a Sacsayhuaman vi è l'utilizzo intrinseco di grandi monoliti con pietre più piccole usate con costruzione a secco.

Quello che colpisce è che tutte queste pietre, risultano incastrate alla perfezione l'una con l'altra, ma a differenza per esempio delle piramidi egizie, che erano interamente costituite da blocchi di forma quadrata, queste sono tutte di taglio irregolare, ma finemente lavorate ed intarsiate per essere posate perfettaemnte nello spazio che occupano. Tutto questo, oltre a presupporre un lavoro di manodopera immane, farrebbe pensare anche ad uno studio di tipo progettistico anteriore alla realizzazione di ciascun blocco e questo ovviamente insinua diversi interrogativi.

Come hanno fatto a giungere a tale grado di perfezione? Possibile che con i soli strumenti in uso in un'epoca di migliaia di anni antecedente all'Antico Egitto, si potessero intagliare e posizionare perfettaemnte blocchi di quel genere?

Autore scheggia10
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube The Mysteries of the Origins. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!