Il fantasma di Azzurrina - Leggenda Popolare

Azzurrina è la protagonista di un'antichissima leggenda popolare medievale, nota in Romagna. Si racconta che nacque intorno al 1370. Figlia di Ugolinuccio, chiamato anche Uguccione, ebbe la sfortuna di nascere in un'epoca in cui la superstizione oltrepassava ogni limite. Poiché nacque albina, il popolo pensava fosse figlia del Diavolo, e quindi chiunque desiderava la sua morte. Sua madre, per proteggerla, le tinse i capelli di nero, ma i pigmenti di natura vegetale,  che periodicamente utilizzava, schiarendosi lasciarono sui capelli della piccola un leggero riflesso azzurro, da cui ebbe origine il soprannome "Azzurrina". Suo padre decise di far sorvegliare la piccola da due guardie, chiamate Domenico e Ruggero, per proteggerla dai pregiudizi popolari e da eventuali attacchi violenti.

Si dice che il 21 Giugno  del 1375, mentre il padre si trovava nel nel mezzo di una battaglia, la piccola giocava all'interno del Castello di Montebello, sempre sorvegliata dalle guardie, con la sua palla preferita, fatta di pezzi di stoffe varie e stracci, mentre fuori incombeva un terribile temporale. D'un tratto, la palla cadde giù per le scale che conducevano alla ghiacciaia sotterranea. La bambina corse per recuperarla; si udì un suo grido molto forte, quindi le guardie e sua mamma si precipitarono per verificare cosa fosse accaduto, ma la bimba sparì nel nulla e nessuno trovò mai il suo corpo.

Vota questo articolo
Play
Condividi

Lascia il tuo commento!