I due Titanic - Un altro mistero

La storia del naufragio del Titanic è una delle più terribili, capace di suscitare commozione ed al tempo stesso curiosità a cento anni di distanza.

Il transatlantico di proprietà della White Star Line, partito dal porto di Southampton per il suo viaggio inaugurale il 10 aprile 1912 e mai giunto negli Stati Uniti per il naufragio avvenuto nelle acque dell'Oceano Atlantico è stato soggetto di film, libri, testi teatrali. Tra verità storiche, supposizioni e leggende.

Alcuni seguaci delle cosiddette teorie del complotto non hanno mai creduto alla versione ufficiale, cioè quella secondo cui lo scafo avrebbe urtato un iceberg, che ne ha squarciato lateralmente lo scafo, provocando il rapido affondamento e la morte di 1518 passeggeri. Una teoria che si basa sulle testimonianze di alcuni sopravvissuti e che in tempi recente è stata supportata anche dalla mancanza di tracce evidenti di uno squarcio compatibile con la versione ufficiale dai rilievi effettuato con lo scandaglio sullo scafo inabissato e semi coperto dai sedimenti marini.

Ecco allora che è tornata, in diversi momenti, a prendere vigore l'ipotesi che il Titanic sia stato affondato da un sottomarino tedesco.

In realtà la spiegazione della collisione con l'icerberg resta la più plausibile, anche se sono emersi nuovi particolari sugli attimi che precedettero l'affondamento. In particolare, è stato accertato che il comandante Edward John Smith, al suo ultimo comando dopo una carriera di 40 anni, non ordinò subito di abbandonare la nave, ma provò a proseguire con i motoria basso vapore per tentare di portare il Titanic verso il Californian, nave in quel momento visibile in lontananza. Una manovra da manuale della navigazione, ma che probabilmente fece perdere tempo prezioso, impedendo di far calare in male le scialuppe di salvataggio in modo corretto.

Autore maxsbard
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube canalemistero. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!