Altre vite nell'universo, il calcolo delle probabilità

Nel 1961 l'astronomo e astrofisico statunitense Frank Drake applicò una formula matematica per calcolare il numero si civiltà extraterrestri intelligenti potenzialmente presenti nella galassia. Una formula alla quale Drake arrivò dopo aver studiato a lungo possibili segnali provenienti da altri mondi nell'universo.

La Formula di Drake nacque in preparazione di un incontro tra esperti che si occupavano del tema di possibili contatti con forme di intelligenza aliena organizzato dall'Accademia nazionale della scienza statunitense. Gli astronomi, fisici, scienziati, biologi e industriali che parteciparono all'incontro furono poi indicati come Ordine di Drake.

Ma quali sono i risultati della Formula di Drake? L'equazione metteva in correlazione diverse varianti, tra cui il tasso medio annuo con cui si formano nuove stelle nella Via Lattea, la frazione di stelle con pianeti, il numero medio di pianeti distanti dalla loro stella come la Terra dal Sole, così da ipotizzare una possibile forma di vita, la frazione di civiltà in grado di comunicare, la stima della durata di queste civiltà. Una formula, a ben vedere, che si basa su vari assunti teorici non dimostrabili. Il risultato, comunque, è che nelle galassie della Via Lattea ci sono circa diecimila civiltà evolute in grado di comunicare.

Numeri che sono stati rivisti, al rialzo, dal matematico israeliano Amir Dan Aczel.

Autore maxsbard
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube ChristianRotola. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!